Conclusioni

italiano

Il nostro lungo excursus sulla misura del tempo nelle pergamene provenzali e marsigliesi ha gettato una luce nuova sul modo in cui questa era percepita dai protagonisti dell’epoca ed utilizzata per contestualizzare le attività economiche, patrimoniali e istituzionali.

L’importanza e la diffusione dello stile pisano in Provenza, già ipotizzata da Charles Higounet, è stata certamente confermata: è stato infatti evidenziato come questo stile abbia avuto un’indubbia rilevanza nell’XI secolo non solo negli atti redatti per ordine del monastero di S. Vittore, ma anche in quelli del conte di Provenza e dell’arcivescovo di Arles. Questo a mio avviso dovrebbe indurre gli studiosi del Midi medievale a intraprendere con coraggio una rivisitazione dell’abbondante documentazione locale tra X e XIII secolo, per evidenziare luogo per luogo, ente per ente, usi peculiari e variazioni, passaggi e influenze.

Per quanto riguarda Marsiglia l’analisi ha fatto emergere:

  1. per l’XI secolo una grande rilevanza di atti privi di qualsiasi notazione cronologica, che diminuì con il crescere di Marsiglia come nodo commerciale; gli atti datati mostrano una netta prevalenza dell’uso dell’incarnazione volgare, con gruppi cospicui di documenti adottanti lo stile pisano, concentrati in periodi limitati di tempo.
  2. Per il XII secolo il definirsi, intorno agli anni ’60, dell’uso dello stile pisano come stile di datazione civico, peculiare e identitario, in corrispondenza con l’affermarsi da un lato del consolato e dall’altro della figura del notaio pubblico  cittadino, e forse anche in relazione all’influenza che Pisa ebbe nel Golfo del Leone nella prima metà del secolo.
  3. Un ultimo e drastico mutamento si verificò nel corso del 1223 dallo stile pisano allo stile fiorentino, in probabile corrispondenza con mutamenti istituzionali e instabilità politica interni.

 

Le variazioni qui riassunte spiegano in parte la ragione per la quale gli studiosi, che nel passato si sono occupati della Provenza e di Marsiglia medievali, non siano riusciti a collocare con precisione eventi e vicende e abbiano anzi spesso frainteso passaggi rilevanti della storia istituzionale della città e della contea.  All’origine del fratintendimento vi si possono riconoscere però anche alcuni pregiudizi storiografici: ad esempio il presupporre erroneamente lo stile pisano come originario di Pisa e della Toscana (ipotesi abilmente confutata da Charles Higounet); oppure il non considerare che il processo di costruzione dell’autonomia cittadina, che si determinò non solo a Marsiglia, ma anche in diverse altre città del Midi, presentò fasi e fenomeni assolutamente comparabili con quelli verificatisi nei comuni italiani, compresa quindi la definizione di una misura del tempo cittadina applicata nella pratica documentaria; infine, nella soluzione ipotizzata da Bénoit di un uso diffuso dell’indizione genovese – da scartare con decisione – si riconosce la convinzione di una maggiore infuenza della città ligure rispetto alla toscana nel commercio e nella vita provenzali del Medioevo.

A fronte di quanto esposto credo invece che si debba riprendere con coraggio la documentazione marsigliese e rileggerla con occhi nuovi, datando con prudenza, ma anche con maggiore consapevolezza, le numerosissime pergamene «non verificabili», ossia prive di indicazioni cronologiche dirimenti, specialmente se queste sono da collocarsi nel periodo 1165-1223. Dato che si tratta proprio del lasso di tempo che vide l’emergere del consolato, il nascere della confraternita dello Spirito Santo e infine l’affermarsi del comune podestarile, non si tratterà solo di correggere di pochi mesi la data di una vendita o di un testamento, ma di rivedere le relazioni tra accadimenti di scala europea e mediterranea, mutamenti istituzionali cittadini e spinte profonde di carattere sociale ed economico, in una relazione stretta tra evento e mentalità che deve essere esaminata nel suo insieme.


Enrica Salvatori

Vedere Crediti Voir Crédits

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *