Marsiglia nel 1223

italiano

  1. Geoffroi Reforciat non era un podestà qualunque. Attestato assai raramente (oltre che nel febbraio 1223 lo troviamo solo in due altri atti del gennaio 1224 [1]) non solo costituisce l’unica eccezione alla serie dei podestà italiani di Marsiglia, ma è anche il figlio di uno dei visconti, Raimond-Geoffroi de Trets [2].
  2. Nell’inverno 1222-1223 il vescovo di Marsiglia aveva dovuto reagire alla rivolta di una parte propri cittadini, abitanti nella città alta[3], che si erano associati per sottrarsi alla sua giurisdizione. Costoro si erano costituiti in universitas, si erano dati dei consoli (Petrus Boniaudus, Fulco de Nercio, Iohannes de Bucco, Robertus de Vienna) e un podestà (Ricavus), avevano istituito un proprio notaio pubblico (Guillelmus Arnaldi [4]), giudici e assessori, ossia una vera e propria amministrazione indipendente. Stando agli atti la rivolta si era già conlusa nel gennaio 1223 con la sottomissione dei consoli e la sentenza di condanna del vescovo[5], tuttavia non è escluso che abbia avuto strascichi ulteriori, dato che il prelato si affrettò a richiedere la conferma imperiale dei propri privilegi nel febbraio 1223[6] e che nel maggio di quell’anno Marsiglia era ancora colpita da scomunica e interdetto, sebbene non ne conosciamo la motivazione[7]. Pur in assenza di tracce palesi è molto probabile che questa rivolta sia stata appoggiata dal ceto dirigente della città bassa[8], forse anche – ma si tratta di una mera ipotesi –  tramite il ricorso a un vecchio espediente, ossia richiamando al governo un visconte e cercando così di ostacolare la restaurazione vescovile[9].
  3. Sempre nel corso del 1223 si scatenò una diatriba legale tra il comune di Marsiglia e il monastero di S. Vittore riguardo alla contesa eredità del visconte Roncelin e quindi alla sua porzione di signoria. Post multas altercationes et verba e dopo la reazione dello stesso pontefice Onorio III, si giunse a un accordo, che vide protagonista proprio Geoffroi Reforciat[10] .
  4. Esiste una traccia dubbia che alla fine la città non abbia gradito questo podestà-visconte. Ce lo racconta Antoine de Ruffi nella sua Histoire de la ville de Marseille (1696), avvertendo che, sotto l’anno 1223 (forse stile fiorentino per 1224?), i Marsigliesi deliberarono solennemente di non dare più cariche pubbliche ai visconti o a loro dicendenti[11]. Anche se la delibera non è stata per ora rinvenuta e Bourrilly non crede che sia da mettere in relazione con la podesteria di Geoffroi-Reforciat[12], il dato è comunque da tenere in considerazione.
  5. La podesteria di Geoffroi-Reforciat si chiuse prima del 15 maggio 1224 quando risulta in carica proprio Spino da Soresina, il podestà lombardo proveniente da Genova, che aveva fatto prigioniero il primo podestà Carlevario e che aveva chiuso il suo mandato nella città ligure il 1° febbraio di quell’anno. Tutti i suoi atti usano la datazione in  stile fiorentino.

Anche se non possiamo per ora dimostrare che la decisione di mutare l’uso cronologico a Marsiglia sia dovuta proprio a una decisione del podestà-visconte Geoffroi-Reforciat, certamente dobbiamo rimarcare come questo mutamento nella redazione degli atti si avvanuto in un anno estremamente instabile per le istituzioni marsigliesi, che vide nuovamente in lotta fra loro il comune, il monastero di S. Vittore e il vescovo. Il mutamento venne adottato senza esitazioni nella pratica documentaria da tutti i notai pubblici marsigliesi. Si passò quindi da una misura del tempo, percepita come identificatrice della città, a un’altra senza particolari resistenze: quindi il mutamento non dovrebbe essere stato particolarmente sgradito, anzi è probabile che sia stato avvertito immediatamente come più funzionale alle attività commerciali. La valenza identitaria del sistema di datazione era quindi decisamente meno rilevante della sua efficacia.

 


[1] 1224 gennaio 25, Raimondo Berengario IV, conte e marchese di Provenza, confermò a Geoffroy Reforciat, l’acquisto d’Hyères e di Brégançon fatto nel 1222 da da Carlevario de Ozano (Archives Municipales de Marseille, AA 36 e Bénoit, op. cit., n. 73, p. 171); il 28 gennaio seguente i signori di Fos e Hyères approvano la vendita (Archives Municipales de Marseille, AA15-7).

[2] Bourrilly, op. cit., p. 83. Il padre Raimond-Geoffroi era stato poco interessato alla signoria sulla città: ritirandosi nel dominio di Trets aveva infatti assecondato la strategia della Confraternita del Santo Spirito di acquisizione della signoria cittadina.

[3] Bourrilly, op. cit., pp. 100-101.

[4] Scarsamente attestato come notaio. Lo ritrovo solo in un documento del 21 maggio 1229 (Archivio di Stato di Genova, Archivio segreto, Materie politiche, mazzo 3; Portal, op. cit., V). Potrebbe tuttavia essere stato nel 1214 anche vicario del visconte Giraud-Adhémar (Archives départementales des Bouches-du-Rhône 6 G 438, Livre Jaune, f. 10v.).

[5] Archives départementales des Bouches-du-Rhône 6 G 10 (55 e 56); Guérard, op. cit., n. 1120.

[6] Jean Louis Alphonse Huillard-Bréholles (éd.), Historia diplomatica Friderici Secundi, II, Parisiis, Plon, 1852, pp. 299-303

[7] Archives départementales des Bouches-du-Rhôn, 6 G 10 (51-1)

[8] Ricavus forse era stato rettore della Confraternita nel 1215 (Bourrilly, op. cit., pièces justificatives, n. XIX) e fu in seguito sindaco del comune podestarile nel 1225 et 1226 (Bourrilly, op. cit., pp. 100-101).

[9] Come era già accaduto alla fine del XII secolo col visconte Roncelin.

[10] Si tratta putroppo proprio del documento che lo attesterebbe per la prima volta nel febbraio 1223, ma che – come detto in nota *** – non è di agevole datazione.

[11] Antoine de Ruffi, Histoire de la ville de Marseille contenant tout ce qui s’est passé de plus mémorable depuis sa fondation, 2ème édition, Marseille, Henri Martel, 1696, t. I, p. 106.

[12] Bourrilly p. 86


Enrica Salvatori

Vedere Crediti Voir Crédits

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *