Il racconto di Marchisio

italiano

Dobbiamo proprio a Marchisio il racconto della fine del governo di Carlevario, che tuttavia contrasta con quanto attesta un coevo documento marsigliese.

Diamo prima il racconto dell’annalista, partecipe in prima persona degli eventi: un mercante genovese, Rainaldo Arcanto, che viaggiava per commissione del seid di Tunisi alla volta della Spagna, era stato costretto a modificare la rotta e a riparare con la nave in avaria nel porto di Marsiglia. Qui, dopo alcuni giorni, era stato imprigionato per ordine del podestà – Carlevario di Ozano appunto -, mentre la merce veniva posta sotto sequestro. Il podestà di Genova Spino da Soresina mandò inviati a Marsiglia – tra cui lo stesso Marchisio -, ma la missione fallì per l’intransigenza del podestà, il quale non solo si rifiutò di consegnare Rainaldo, ma impedì perfino ai marinai della nave sequestrata di uscire dal territorio del comune per tornare via terra in patria. Per rappresaglia due vascelli di Ventimiglia, spintisi sino a Tunisi, si impadronirono della nave dell’inviato marsigliese presso il seid, alla fonda in quel porto; ma ancora la faccenda non si risolse. Nel frattempo Carlevario di Ozano, che secondo Marchisio aveva finito il tempo del suo lungo mandato, ebbe la malaugurata idea di passare per Albenga, dove cadde nelle mani dei Genovesi. Pur liberato grazie l’intervento diplomatico di Milano, Marsiglia decise comunque di sanare le discordie con Genova non solo liberando Rainaldo, ma anche risarcendolo del danno[1].

A Genova il podestà e i consoli di giustizia entravano in carica il giorno della Purificazione, ovvero il 2 febbraio. Il secondo mandato del podestà di Spino de Soresina, nel corso del quale Marchisio indica come ancora in carica Carlevario di Ozano, si svolse quindi dal 2 febbraio 1223 al 1° febbraio 1224[2], ma non sappiamo tuttavia quando avvenne con precisione l’incidente diplomatico né la missione genovese a cui partecipò lo stesso Marchisio, né quando si debba quindi collocare la fine del mandato di Carlevario[3]. Il problema è dato dalla prima attestazione del successore, Geoffroi Reforciat, che si collocherebbe al 14 febbraio 1223, grazie a un documento redatto in stile pisano, confermato nel luglio 1224 da un atto in stile fiorentino[4].

È possibile che il passaggio di consegne sia avvenuto proprio nel febbraio 1223? Nel documento del 14 febbraio 1223 – per altro copia autentica di copia autentica – ci sono elementi interni che farebbero pensare a un possibile errore di trascrizione nella data, che potrebbe quindi ascriversi al febbraio 1224[5]. Pur non potendo allo stato attuale dirimere con certezza la questione, alcuni indizi fanno pensare che l’inverno del 1223 sia stato abbastanza travagliato per Marsiglia e che abbia effettivamente potuto portare a una congiuntura istituzionale di un certo rilievo e quindi anche a un mutamento nel sistema di datazione adottato nella documentazione. Data la rapidità e la nitidezza del passaggio tra stile pisano e stile fiorentino, accettato e applicato immediatamente da tutti i notai pubblici di Marsiglia, dobbiamo infatti legittimamente ritenere che questo sia stato dovuto a una decisione di carattere istituzionale.

 


[1] Sull’episodio si legga Michel Balard, «Guglielmo di Bulgaro», Dizionario Biografico degli Italiani 15 (1972), http://www.treccani.it/enciclopedia/guglielmo-di-bulgaro_%28Dizionario-Biografico%29/.

[2] Ringrazio Marta Calleri dell’informazione.

[3] L’incertezza sulla data in questo caso è più che lecita: trattando Marchisio del secondo mandato di Spino da Soresina l’annalista potrebbe aver collocato in questo frangente solo la conclusione di un incidente avvenuto però nel corso del primo mandato e quindi nel 1222.

[4] Guérard, op. cit., n. 924; nella tabella in appendice id. XIII02014 (ripetuto due volte).

[5] L’errore potrebbe stare nell’indizione: che potrebbe essere XII invece che XII e quindi portare la datazione al febbraio 1224. Nel documento si vede tuttavia agire come sindaco Pietro Betrando, mentre nel gennaio 1224 sono indicati come sindaci Augerio de Mari e Isarno Calveri (Archives Municipales de Marseille, AA 15-7): anche se non è certo, pare che a Marsiglia, in peridodo podestarile, i sindaci fossero eletti e avessero incarico annuale (Bourrilly, op. cit, p. 89). D’altro canto il documento attesta l’avvenuto accordo tra il Comune e il monastero di S. Vittore sull’eredità di Roncelin, che però appare ancora contrastata in una bolla di Onorio III del luglio 1223 (Archives départementales des Bouches-du-Rhône, 1 H 108 – 530bis). In sostanza l’oggetto del documento farebbe propendere per la datazione al 1224, mentre la formula della datatio e il nominativo del sindaco farebbero propendere per il 1223.

 


[1] Sull’episodio si legga Michel Balard, «Guglielmo di Bulgaro», Dizionario Biografico degli Italiani 15 (1972), http://www.treccani.it/enciclopedia/guglielmo-di-bulgaro_%28Dizionario-Biografico%29/.


Enrica Salvatori

Vedere Crediti Voir Crédits

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *