I podestà di Marsiglia

italianoRivedendo le date della documentazione comunale marsigliese si deve iniziare col dire che, rispetto a quanto sostenuto dal Bourrilly, l’ultima menzione dei rettori della Confratenita non è del 1220, ma di un anno prima: dell’autunno 1219. Si tratta di due documenti: nel primo i rettori tutelavano dalle pretese di S. Vittore il concittadino Pietro di Santo Iacobo che aveva preso a pegno dal fu visconte Roncelino parte della signoria che aveva in curia Massilie a nome della città; nel secondo i medesimi scrivevano al re di Bugie, raccomandandogli come locale console dei mercanti Bernardo Bonafollo[1].

Il cambiamento tra il regime dei rettori e quello del podestà dovrebbe quindi essere avvenuto nel corso del 1220: lo deduciamo anche dal fatto che ancora nel 1220 i Genovesi trattarono con i rettori di Marsiglia riguardo una sagitta rifugiatasi nella baia di Hyères[2] e che il podestà, il milanese Carlevario de Ozano, è attestato per la prima volta in carica il 19 ottobre 1220[3]. Costui restò probabilmente al governo oltre due anni, dall’autunno 1220 al febbraio 1223, dato che è menzionato in due documenti del 1222 e che è indicato come podestà di Marsiglia dall’annalista genovese Marchisio ancora nel 1223[4].

 


[1] Entrambi i documenti possiedono una datazione in stile pisano verificabile: il primo anno ab incarnatione eiusdem MCCXX, indictione VIII, nono die mensis Octobris (Guerard, op.cit., n. 929); il secondo anno MCCXX, indictione VIII, tercio idus Novembris (Archives Municipales de Marseille, HH 334).

[2] Luigi Tommaso Belgrano e Cesare Imperiale di Sant’Angelo (éds.), Annali genovesi di Caffaro e de’ suoi continuatori dal MXCIX al MCCXCIII, II, Genova 1901, p. 166.

[3] Bourrilly, op. cit, pièces justificatives n. XXIV con data 1221.

[4] Questi i documenti che menzionano Carlevario de Ozano: 1220 ottobre 19 (Ibidem, n. XXIV con data 1221); 1220 novembre 5 (Archives Municipales de Marseille, AA12-4);  1222 maggio 2 e 20 (Bénoit, op. cit. n. 67, p. 166 e n. 68, p. 166 con data 1223); 1222 agosto 16 (Archives Municipales de Marseille, CC 1785); Belgrano e Imperiale di Sant’Angelo (éds.), Annali genovesi, cit. p. 191.


Enrica Salvatori

Vedere Crediti Voir Crédits

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *