Lo stile pisano nell’XI secolo

italiano

Se si osserva la tabella con i documenti verificati si nota che l’alternanza tra stile dell’incarnazione volgare e stile pisano non è casuale, ma che gli atti in stile pisano compaiono in genere in gruppi ben identificabili che vanno a intensificarsi dopo la metà del secolo fino agli anni ’70.

Anche se verrebbe spontaneo associare i raggruppamenti all’azione di un peculiare scrittore o di un insieme di scrittori, i dati non consentono la formulazione di una tale ipotesi, anzi, in qualche caso si notano variazioni rilevanti nelle formule di datazione redatte dal medesimo scrittore. Così ad esempio il monaco Durannus o Durandus – ben riconoscibile nella carte perché fa precedere il nome dal monogramma – talvolta abbina semplicemente l’anno con l’indizione [1], in altri casi elimina l’indizione a favore di una generica indicazione del regnante [2], altrove fornisce un escatocollo completo di data topica e cronica da cui si ricava l’uso dello stile dell’incarnazione al modo pisano [3] o al modo fiorentino/volgare [4], variando probabilmente quantità e qualità dei dati in base alle richieste del rogatario [5].

Dopo gli anni ’70 dell’XI secolo non si riconoscono particolari concentrazioni di documenti attestanti con certezza l’uso dello stile pisano, ma solo presenze sporadiche. Tali valori, è bene ribadirlo, in parte dipendono certamente dal fatto che la maggioranza dei documenti censiti presenta formule di datazione che non possono essere con certezza attribuite a un determinato stile: è possibile quindi che altri documenti siano stati redatti usando il modo pisano, ma non abbiamo alcuna possibilità di valutarne il numero. In ogni caso, per quanto certamente usato, tale stile non era il sistema di datazione più diffuso a Marsiglia nell’XI secolo: i numeri infatti indicano lo stile dell’incarnazione volgare come, plausibilmente, quello più frequentemente adottato dagli scrittori al servizio del monastero di S. Vittore, del vescovo e dei visconti. É bene anche notare che alcuni documenti di una certa rilevanza sono datati usando quest’ultimo stile. Tra i più importanti troviamo quello che attesta, il 19 maggio 1065, l’inizio dell’abbaziato di Bernard de Millau, abate celebre, personaggio di primo piano della Riforma, a cui successe nel 1079 il fratello Riccardo, poi arcivescovo di Narbonne (+ 1112) [6].

I dati, inoltre, non consentono di cogliere alcuna relazione diretta tra la presenza nel Midi di papi riformatori, nella cui cancelleria prevaleva lo stile pisano (come Urbano II o Pasquale II) e l’affermarsi di questo stile a Marsiglia. Urbano II, originario di Châtillon-sur-Marne e monaco cluniacense, dopo la nomina tornò sul suolo francese, com’è noto, tra 1095 e 1096 e indirizzò al monastero marsigliese due conferme nel 1089 e nel 1095 [7]. In un documento si tiene inoltre memoria come papa Urbano II, passando da Tarascona, il 13 settembre 1095, abbia consacrato una chiesa costruita nei pressi del castello e l’abbia confermata al monastero di S. Vittore di Marsiglia, su richiesta della contessa Stefania: la data che ricorda la consacrazione e la conferma – a cui per altro era presente anche l’arcivescovo di Pisa Daiberto [8] -, è espressa in pieno stile pisano, confermato dall’anno di pontificato dello stesso Urbano II. Pasquale II confermò infine, nel 1113, al monastero tutte le sue dipendenze con una bolla datata in stile pisano[9]. Non è tuttavia da escludersi che la scelta riformista adottata dal monastero di San Vittore di Marsiglia dopo la morte di Gregorio VII e in particolare sotto Urbano II abbia facilitato l’affermarsi di questo stile. Fu infatti il peridodo in cui il monastero strinse più forti legami patrimoniali e spirituali con Pisa, dove il modus pisanum si stava ormai decisamente affermando [10].  Per quanto rilevanti, tuttavia, gli atti e i legami citati non si inseriscono in un gruppo di documenti datati in maniera omogenea, né inaugrano usi omogenei; inoltre lo stile pisano è – come si è già rilevato – ben attestato nella documentazione marsigliese prima della stagione gregoriana. Il cambiamento maturò invece più tardi, nel corso del secolo XII, e fu abbastanza netto.

 


[1] Facta donatio hec anno incarnationis dominice millesimo XXXV, indicione V, regnante Domino Christo (Guérard, op. cit., n. 752) in cui anno e indizione non corrispondono.

[2] Facta donatio hec anno incarnationis dominice millesimo XXVIII, regnante Rodulfo rege Alammannorum sive Provincie (Giraud, Renault e Tock (éds.), Chartes originales, cit., n. 4005)

[3] Acta publice in monasterio sancti Victoris, idus octubris, die sanctorum apostolorum ecclesie consecrationis [..] anno ab incarnacione Domini millesimo XL indicione VIII, feria III (Guérard, op. cit., n. 769).

[4] Facta donatio hec anno incarnationis dominice millesimo XLII, indicione VIII. Acta publice apud Arelatem, in presencia domni Raimbaldi presulis atque Iosfredi marchionis Provincie et ceterorum nobilium, III feria, VIII kalendarum Iunii (Giraud, Renault e Tock (éds.), Chartes originales, cit., n. 4046, Guérard, op. cit., n. 375).

[5] Così ad esempio si isola tra gli altri il documento che Durando redige per la donazione al monastero di S. Vittore fatta in occasione di una sinodo dall’arcivescovo Vienne Leodegario, in cui tuttavia lo stesso Durando dichiara di agire al posto del cancelliere dell’arcivescovo e “sotto la dettatura” di quest’ultimo: facta donatio haec elemosinaria, anno incarnationis Domini nostri Ihesu Christi millesimo XXXVI in die […] epacta I, anno VIII imperatoris romanorum Conradi [..]. Ego Durannus monachus ad vicem domni cancellarii, domno archiepiscopo Leodegario dictante atque mandante, scripsi, anno ordinationis eius VI nonas Novembris LX, feria IIII. Acta publice in sinodo Viennensi in presentia domni Leodegarii archiepiscopi et [..] (Giraud, Renault e Tock (éds.), Chartes originales, cit.,  n. 4026, Guérard, op. cit., n. 1064) La data pone qulche problema perché l’ottavo anno di regno di Corrado II andrebbe dal marzo 1034 al marzo 1035, che però non corrisponde con l’epatta, che è la 1a solo dal settembre 1036 secondo il computo egiziano; il giorno 5 novembre non era mercoledì (feria IIII)  nel 1036, ma è anche vero che è espresso quattro righe più sotto la prima datazione, in cui il giorno non è leggibile; da un altro documento sappiamo che il sinodo di Vienne venne celebrato appunto il 3 novembre 1036 che era un mercoledì. La data di regno dipende quindi dalla scelta della cancelleria dell’arcivescovo (George de Manteyer, «Les origines de la maison de Savoie en Bourgogne (910-1060)», Mélanges d’archéologie et d’histoire, 19 (1899), pp. 393-394). Un altro esempio di autori che usano formule diverse viene da Johannes, monaco di Ripoll e di Marsiglia, che per conto del vescovo di Marsiglia usa lo stile della natività (Giraud, Renault e Tock (éds.), Chartes originales, cit., n. 4217), mentre per l’abate di S. Vittore indica in un documento l’anno, il mese e il giorno secondo lo stile dell’incarnazione (Ibidem, n. 4251) e in un altro il mese, il giorno e l’anno di regno di Filippo I (Guérard, op. cit., n. 742).

[6] Il documento, presumibilmente redatto nel monastero, porta la data anno ab incarnatione dominica millesimo LXV, indicione III, epacta XI, XIIII kalendas Iunii, luna VII. (Giraud, Renault e Tock (éds.), Chartes originales, cit., n. 4268).

[7] Simonetta Cerrini, «Urbano II beato», Enciclopedia dei Papi, Milano, Treccani, 2000,  http://www.treccani.it/enciclopedia/beato-urbano-ii_%28Enciclopedia_dei_Papi%29/; Guérard, op. cit., nn. 839 e 840.

[8] Guérard, op. cit., n. 220. La presenza rientra perfettamente in quanto già sappiamo degli spostamenti di Urbano II e Daiberto: costui seguì il papa nel viaggio da questo intrapreso in Italia e in Francia per predicare l’iter. Urbano II soggiornò a Pisa il 2 settembre, il 10 e il 13 ottobre 1094 e Daiberto dovette lasciare la città subito dopo questa data. Probabilmente fu presente ai concili di Piacenza (marzo 1095) e di Clermont (novembre 1095), nel mezzo dei quali avvenne la consacrazione della chiesa di S. Nicolò a Tarascona. (Luigina Carratori e Bernard Hamilton, «Daiberto», Dizionario Biografico degli Italiani, 31 (1985) http://www.treccani.it/enciclopedia/daiberto_%28Dizionario-Biografico%29/.

[9] Guérard, op. cit., n. 848.

[10] Nel 1095 due pisani fondarono in città la chiesa di S. Andrea e cedono il diritto di eleggere il rettore al monastero di S. Vittore di Marsiglia; nel 1107 l’arcivescovo di Pisa Pietro donò all’abbazia di S. Vittore di Marsiglia il monastero dei Dodici apostoli detto “de collinis”. (Cinzio Violante, «La fondazione del priorato vittorino di S. Andrea in Chinzica e la riforma ecclesiastica in Pisa tra l’XI e il XII secolo», O. Banti e C. Violante (éds.), Momenti di storia medievale pisana: discorsi per il giorno di S. Sisto, Pisa, Pacini, 1991, pp. 37–60, pp. 47-48; Marco Stoffella, «Nuove forme di raccordo politico nel comitatus di Pisa: il monastero dei Dodici Apostoli di Decimo e i suoi benefattori nella prima metà del secolo XI», Bollettino Storico Pisano, LXXII (2003), pp. 147–168); nel 1115 alcuni pisani deceduti nell’impresa delle Baleari vengono sepolti nel monastero di S. Vittore e qui ricordati da un’epigrafe (Giuseppe Scalia, «Epigraphica Pisana. Testi latini sulla spedizione contro le Baleari dal 1113-1115 e su altre imprese antisaracene del secolo XI», Miscellanea di studi ispanici, VI (1963), pp. 268-269, ora anche in Ottavio Banti, Monumenta epigraphica pisana saeculi XV antiquiora, Pisa, Pacini, 2000, pp. 21-22).


Enrica Salvatori

Vedere Crediti Voir Crédits

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *