La base documentaria

italiano  Per questioni squisitamente logistiche (abito in Italia e andare in archivio a Marsiglia è complicato e costoso) mi sono per ora concentrata sull’analisi il più possibile sistematica dei documenti editi – almeno per il secoli XI e XII -, facendo tuttavia alcuni controlli sulle pergamene originali. Per quanto riguarda la documentazione del secolo XIII ho tratto sia da edizioni, che da pergamene originali o in copia, senza però poter effettuare alcun censimento sistematico. Per fortuna – come vedremo – la questione della datazione dei documenti marsigliesi del Duecento non richiede che tutte le pergamene siano sistematicamente esaminate: basta operare degli affondi per alcuni momenti peculiari particolarmente problematici (come ad esempio il biennio 1223.1224) e tendere alla raccolta sistematica di tutte le pergamene redatte per ordine dei rappresentanti del comune o che vedono il comune di Marsiglia tra gli attori. Le edizioni consultate sono elencate nella pagina fonti. Nella tabella consultabile a questo link si trovano tutti i documenti di cui sono riuscita a verificare la dara.

Chiaramente non si tratta di un corpus omogeneo ed è doveroso premettere alcune osservazioni in proposito.

  1. Per i secoli X e XI la quasi totalità dei documenti proviene dal cartulario di S. Vittore di Marsiglia, in particolare dal “grand cartulaire”, che venne composto dai monaci del cenobio alla fine dell’XI secolo (Zerner). Alla sua composizione lavorarono diversi monaci, non tutti necessariamente attivi nello scriptorium del cenobio. Non è sempre possibile, anzi è spesso assolutamente impossibile, capire se il documento, copiato nel cartulario, sia stato originariamente redatto entro il monastero marsigliese o magari nel luogo in cui si trovava il bene oggetto della transazione: infatti solo il 10% circa degli atti ricopiati riporta il luogo di redazione e sono assai pochi gli atti in cui è dichiarato il nome dello scrittore. Tuttavia la qualità letteraria di molti preamboli, la forma elaborata delle clausole comminatorie fa pensare che molti atti siano stati comunque rifiniti nel monastero, da monaci esperti, dopo la loro redazione (Zerner). I copisti del “grand cartulaire”, tuttavia, spesso non ricopiavano il preambolo e il nome dello scrittore, talvolta non trascrivevano la data e intervenivano anche sull’ortografia dei nomi propri. Pur considerate queste discrepanze tra la copia e l’originale e la difficoltà di inserire pienamente ogni singolo atto nel cotesto di produzione, l’analisi ha comunque compreso nella base documentaria la quasi totalità degli atti del cartulario relativi all’XI secolo, con la sola esclusione dei documenti pontifici e includendo invece gli atti chiaramente o plausibilmente non redatti a Marsiglia. In questi casi, infatti, si dichiara spesso nell’escatocollo che la redazione del documento è stata fatta sotto ordine dell’abate di S. Vittore e/o da un monaco del medesimo monastero: il che fa ipotizzare l’uso di sistemi di datazione accettati entro l’ente monastico. In aggiunta ai documenti presenti nel cartulario di S. Vittore sono state prese in considerazione – come già accennato – anche le pergamene sciolte appartenenti al fondo del medesimo monastero pubblicate da Paul Amargier e di recente nuovamente edite anche on line da un’équipe di studiosi all’interno del progetto Telma, così come anche altre edizioni di documenti che tuttavia – per il secolo XI – rimandono per lo più al fondo di S. Vittore.
  2. Per quanto riguarda il secolo XII le cose diventano più complicate. Oltre al cartulario di S. Vittore, sono stati presi in considerazione tutti i documenti del cartulario del capitolo della cattedrale di Marsiglia (Livre Jaune), redatto nel XIII secolo e contenente atti dal 1119 al 1263, oltre che numerose carte sciolte, tratte dagli archivi comunali e dipartimentali, non spogliate però in maniera sistematica. Diversi documenti raccolti nei cartulari sono stati esclusi, perché chiaramente redatti non a Marsiglia e per conto di enti non marsigliesi, come ad esempio la corte papale o il comune o l’arcivescovo di Pisa oppure i giudici sardi. Di fatto la base dei dati risulta alla fine composta sostanzialmente da documenti emanati da quattro enti marsigliesi: il monastero di S. Vittore, il vescovo, il capitolo della cattedrale e i visconti.
  3. Un problema a parte rappresentano i documenti redatti a Marsiglia per conto del conte di Provenza che viene esaminato in un altro post.
  4. Bisogna inoltre notare che fino a tutto il XII secolo non è stato possibile dividere i documenti per “cancellerie” o enti di produzione. I notai infatti appaiono nelle regioni meridionali della Francia verso la metà del XII secolo, ma  l’attestazione di una loro presenza stabile accanto ai rappresetanti del potere è spesso ancora più tarda [1].
  5. È bene specificare che l’analisi si è limitata, per ciascun documento, alla schedatura del metodo di datazione e della contemporanea annotazione della data topica, degli autori e dell’oggetto: non ha riguardato altri aspetti importanti, come il tipo di scrittura (per le carte originali), la forma dell’invocatio o dell’intitulatio o ancora le diverse parti dell’escatocollo. Sono convinta che un’analisi di questo tipo, condotta in parallelo su cartulari e pergamene sciolte appartenenti al medesimo ente, sarebbe estremamente utile per comprendere il “sistema di documentazione” della società marsigliese medievale e in particolar modo le pratiche documentarie della chiesa marsigliese, del monastero vittorino e delle curie facenti capo ai visconti, che ancora ci sono largamente ignote, considerando soprattutto l’attestazione tardiva (seconda metà del XII secolo) dei notai.
  6. L’analisi non è ancora terminata: si prega quindi di considerare le analisi che seguono assolutamente provvisorie.

    [1] Franck Brechon, ‘Notariat et régions méridionales (XIIe-XIIe siècles)’, in ‘Notariat et régions méridionales (XIIe-XIIe siècles)’, Comprendre le XIIIe siècle”, études offertes à Marie-Thérèse LORCIN (Lyon, 1995) pp. 161–172.

 


Enrica Salvatori

Vedere Crediti Voir Crédits

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *