Gli stili speculari: che fare

italianoCome detto nel precedente post, solo Fernand Bénoit ha ipotizzato che alcuni problemi di incongruenza tra stile dell’incarnazione e indizione che si rilevano nelle pergamene del sud della Francia siano da spiegare con l’unione dello stile fiorentino all’indizione genovese. Anche se non sostenuta da altri studiosi, l’ipotesi deve essere presa in considerazione e verificata. Tuttavia, abbiamo anche visto che quando una datazione è espressa solo dall’abbinamento mese / anno / indizione, i due sistemi sono indistinguibili, ossia è impossibile ricondurre la data espressa sul documento al computo comune. E’ invece possibile sciogliere il dubbio se, oltre al mese, all’anno e all’indizione sono presenti altre indicazioni cronologiche, come ad esempio gli anni di regno, la luna, l’epatta, i concorrenti o il ciclo lunare. Di conseguenza dobbiamo verificare l’ipotesi di Bénoit seguendo altre strade.

Io ne sto seguendo due:

  1. da un lato ci si deve chiedere se poteva avere un senso nell’area provenzale l’uso combinato degli stili indicati da Bénoit, incarnazione fiornentina con indizione genovese. Per quali strade e dietro quali motivazioni questi usi si sarebbero imposti? Risposte nel post sull’indizione genovese.
  2. Dall’altro lato ho deciso di prendere pazientemente in mano la documentazione marsigliese superstite e passarla al setaccio, per capire meglio l’evolversi degli stili di datazione nel tempo. I post che riguardano questo aspetto sono quelli che espongono i dati sui secoli XI, XII e inizio del XIII secolo.

La seconda strada  sembra essere  l’oggetto di una ricerca simile, estesa per tutto lo spazio francese, annunciata nel 1999 da Oliver Guyotjeannin e Benôit-Michel (vedere «Mos presentis patrie» nella Bibliografia). Questi studiosi, tuttavia, nella prima definizione regionale degli usi cronologici, non hanno preso in considerazione Marsiglia e hanno inoltre dichiarato  di aver scelto di non enumerare gli usi «sparpagliati» dello stile pisano in area francese (ivi, p. 66).

 

 


Enrica Salvatori

Vedere Crediti Voir Crédits

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *