Stili speculari

italianoIn sostanza, per le pergamene del Midi, Bénoit ipotizza l’uso incarnazione fiorentina con  l’indizione genovese. Si deve dire che tale abbinamento non è mai stato esplicitato da altri autori, anche da editori celebri delle pergamene maesigliesi come Luois Blancard o Victor-Louis Bourrilly. Tutti hanno comunque, in genere, preso in considerazione soltanto lo stile fiorentino dell’incarnazione, senza spiegare eventuali incongruenze tra anno e indizione.

Il problema è che l’opinione del Bénoit, in assenza di altri riferimenti cronologici oltre l’anno e l’indizione, è impossibile da provare, perché  tra le due possibilità ventilate:

1)    incarnazione pisana con indizione bedana;

2)    incarnazione fiorentina con indizione genovese

esiste una specularità  totale.

Nella tabella che segue ho messo i due sistemi a confronto con evidenziate le corrispondenze:

stile pisano
+ indizione bedana

stile comune
+ indizione romana

stile fiorentino
+ indizione genovese

1201 nov. + ind. 4

1200 nov. + ind. 3

1200 nov. + ind. 3

1201 genn. + ind. 4

1201 genn. + ind. 4

1200 gen. + ind. 3

1202 giu. + ind. 4

1201 giu. + ind. 4

1201 giu.  + ind. 3

1202 nov. + ind. 5

1201 nov. + ind. 4

1201 nov. + ind. 4

1202 genn. + ind. 5

1202 genn. + ind. 5

1201 genn. + ind. 4

1203 giu. + ind. 5

1202 giu. + ind. 5

1202 giu. + ind. 4

1203 nov.+ ind. 6

1202 nov. + ind. 5

1202 nov. + ind. 5

1203 genn. + ind. 6

1203 genn. + ind. 6

1202 genn. + ind. 5

Ad esempio Bénoit cerca di dimostrare la sua ipotesi con due documenti. Il primo, in copia contemporanea, è datato anno ab incarnatione eiusdem M° CC° XLII°, VII° idus octubris, ind. XVa a Saint-Michel, nella contea di Forcalquier (Bénoit n. 358). Rodrigo, balivo di Forcalquier, su ordine di Raimondo Berengario conte di Provenza e di Forcalquier , stabilisce gli statuti del castello di Saint-Michel; redige l’atto il magister Arnaudo, notaio pubblico del conte. La datazione, tuttavia, in assenza di riferimenti esterni, può essere sciolta 1241 o 1242 ottobre 9 con uso o dell’incarnazione pisana con indizione bedana o dell’incarnazione fiorentina con indizione genovese.

Il secondo documento, sempre in copia, è datato anno Domini M°CC°XLIII°, indictione prima, III° kalendas octobris, redatto a Saint-Michel; lo stesso conte conferma gli statuti di fronte ai consoli e alla comuità intera del castello di Saint-Michel, redatto dal medesimo notaio. Anche in questo caso la data può essere 1242 settembre 29 (incarnazione pisana e indizione bedana) o 1243 settembre 29 (incarnazione fiorentina e indizione genovese). Gli esempi non sono quindi dirimenti.


Enrica Salvatori

Vedere Crediti Voir Crédits

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *